News

Agevolazioni fiscali

Agevolazioni fiscali previste per l’acquisto di sussidi tecnici e informatici, mezzi di ausilio ed acquisto di veicoli destinati alla guida per persone handicappate con ridotte o impedite capacità motorie ed anche al trasporto per: Continua…

Assistenza: la Commissione Bilancio conferma i tagli (40 miliardi)

La Commissione Bilancio ha concluso ieri sera i propri lavori, ignorando gli appelli delle persone con disabilità: nel silenzio pressoché generale sono confermati i 40 miliardi di tagli previsti dalla “riforma” assistenziale e fiscale. Continua…

bando di concorso per borse di studio

Diritto a pensione per gli stranieri soggiornanti in Italia.

Assegni, pensioni e indennità di accompagnamento per invalidi civili, ciechi e sordomuti, spettano anche agli stranieri titolari di carta di soggiorno di durata non inferiore ad un anno; per tanto viene meno la possibilità dello straniero titolare di solo permesso di soggiorno di usufruire delle stesse previdenze assistenziali.

Documento inviato al Sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

http://www.anmic-torino.it/wp-content/uploads/2012/05/documento-al-sottosegretario1.jpg

E’ scontro sull’ISEE

COMUNICATO STAMPA

È scontro sull’ISEE

 

Oggi alcune testate (ad esempio Repubblica: “Welfare, giro di vite per i redditi più alti”) presentano le ipotesi di riforma dell’indicatore della situazione economica che sarebbero emerse nel corso di incontri fra regioni e sindacati da una parte e Governo dall’altra. Per altro erroneamente viene riportata la presenza del Ministero dell’Economia, per ora formalmente assente dai tavoli di confronto, tenuti invece dal Sottosegretario al Ministero del Lavoro, Cecilia Guerra.

Anche la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap è stata convocata (ieri, 14 maggio) dal Ministero su queste importanti questioni. Al momento sono oggetto di confronto solo i nuovi criteri e modalità di calcolo dell’ISEE, particolarmente complessi e delicati, e cioè la definizione di redditi, patrimonio e relative compensazioni.

Al contrario non è ancora sul tavolo l’altrettanto delicato aspetto della definizione di quali saranno le prestazioni e i servizi sui quali, a partire dal 2013, sarà obbligatoriamente applicato l’ISEE. Tanto meno è stata fissata alcuna soglia ISEE di riferimento.

Ciò significa che non è ancora stato stabilito se, ad esempio, alle pensioni e alle indennità per le persone con disabilità sarà applicato l’ISEE. Ad oggi l’indennità di accompagnamento, per la sua stessa natura indennitaria di servizi non resi, non è sottoposta a limiti reddituali. Le altre prestazioni (assegni e pensioni) sono invece condizionate dal reddito personale.

Secondo le indiscrezioni diffuse, al contrario, il Governo sarebbe pronto ad applicare, dal 2013, l’ISEE a tutte le prestazioni assistenziali, incluse quelle per i disabili anche gravi.

La pubblicazione di tali “indiscrezioni” ha suscitato immediata e diffusa reazione nei social network e presso le segreterie delle associazioni, sollevando risentite proteste delle persone con disabilità, dei loro familiari e, in modo unanime, di tutto il movimento dell’impegno civile in questo ambito.

 

15 maggio 2012

 

Editoriale Presidente Pagano: Alunni disabili a rischio separazione scolastica

di Giovanni Pagano, Federazione tra le associazioni nazionali delle persone con disabilità (Fand)

No al disegno di legge del Pdl che vuole affidare ai privati il sostegno agli alunni disabili. Come Fand prendiamo le distanze e chiediamo a tutto il mondo politico un grande segno di civiltà, e cioè di intervenire per bloccare immediatamente il Ddl n. S 2594 presentato dai parlamentari del Pdl.

Continua…

FINANZIAMENTI PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA

Per la prima volta, l’ANMIC, su delibera del Comitato Centrale, ha deciso di partecipare al  finanziamento di importanti progetti di ricerca scientifica, inerenti lo studio di malattie rare.

In particolare l’ANMIC ha devoluto, su richiesta della Lega Italiana Fibrosi Cistica (con la quale, ricordiamo, la nostra Associazione ha siglato, già da tempo, un accordo quadro) 65mila euro per finanziare un progetto scientifico europeo destinato ad accelerare la sperimentazione di nuovi farmaci per curare la fibrosi cistica, e 25mila euro per sostenere lo studio sul “carcinoma della mammella maschile” in seguito alla richiesta avanzata dall’IRST (Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei  Tumori).

Tali interventi economici sono stati resi possibili utilizzando le risorse provenienti dalla raccolta del 5 per mille effettuata dalla Sede Centrale.

La ANMIC è orgogliosa di poter contribuire ad avviare lo studio su patologie ancora poco conosciute, considerando anche che questa nostra iniziativa ha già avuto una rilevanza mediatica e sarà il fiore all’occhiello della nostra Associazione.

5 maggio 2010

IMPORTANTE

Si comunica che a differenza dei passati anni l’INPS non invierà direttamente alla sua abitazione il modello di dichiarazione circa la sussistenza o meno del diritto a percepire le provvidenze previste per gli invalidi civili: indennità di accompagnamento. assegno di frequenza per i minori, assegno di invalidità, pensione sociale e modello RED.

E’ richiesto quest’anno l’obbligo comunque della dichiarazione  per cui i soci possono recarsi in ANMIC in via Campana, 15 in orario d’ufficio entro il mese di luglio salvo possibili proroghe INPS, per la compilazione predetta, dove personale della Associazione fornirà la relativa modulistica e aiuto nello svolgimento della pratica.

 

 

Precisazioni sulle pensioni di reversibilità

Alcune precisazioni sulle Pensioni ai superstiti quando la reversibilità riguarda persone inabili.

Le pensioni di reversibilità è assicurata agli inabili totali ovvero invalidi civili riconosciuti con disabilità al 100% con o senza diritto alla indennità di accompagnamento.
La stessa pensione è concessa anche senza il raggiungimento della totale inabilità (100%), quando la persona invalida venga riconosciuta inidonea a proficuo lavoro per grave infermità ( cfr. pag. 54 Diritti Sociali).
Mentre per i minori di età non disabili la reversibilità è concessa fino alla maggiore età, oppure fino ai 21 anni con frequenza ad una scuola media, oppure fino al 26° anno se iscritti all’università.
Per la persona inabile non sussistono limiti di età per avere diritto alla reversibilità per cui inizia alla morte del dante causa prescindendo da ogni età raggiunta. .
Permane il diritto alla pensione di reversibilità anche nei confronti del minore riconosciuto inabile in data successiva al decesso del genitore purchè prima del compimento del 18° anno di età.
I figli inabili titolari di pensione possono avere la pensione di reversibilità purchè non siano assoggettati alla “non autosufficienza”. Ovvero non avere un reddito IRPEF superiore alla invalidità civile totale (100%) che per l’anno 2015 è pari a € 16.532,10 annue.
I redditi sono valutati ai fini IRPEF al netto dei contributi previdenziali. Sono esclusi dal computo :
• reddito della casa di abitazione
• computo dei trattamenti di fine rapporto.
La percentuale di fruibilità dell’assegno di reversibilità se trattasi di unico figlio disabile minore di età è del 70%. Nel caso di figlio non minore disabile 60%.

Pagina 1 di 212
 
archive